Tegole azzurre per Allegri

Sono tegole azzurre quelle che piovono sulla testa di Massimiliano Allegri. Il primo giorno di raduno della Nazionale a Coverciano ha riconsegnato alla Juve Claudio Marchisio che ha fatto marcia indietro verso Vinovo. Meglio non rischiare per il prinicipino, il sovraccarico al ginocchio sinistro dopo il lungo stop che lo ha tenuto 6 mesi lontano dai campi ha convinco lo staff medico azzurro a rimandarlo a casa d’accordo con la Juve. Nulla di particolarmente allarmante e un recupero che dovrebbe concretizzarsi nell’arco della sosta per rivederlo in campo già contro il Pescara. Più serio il quadro clinico di Barzagli. Uscito dopo pochi minuti per una lussazione alla spalla nella partita di Verona contro il Chievo. Lo stop sembrava dovesse essere di un mese e, invece, gli esami di ieri hanno evidenziato un infortunio più complicato che lo terrà fuori per due mesi. Per ora il difensore di Fiesole dovrà portare un tutore per 4 settimane e poi procedere alla rieducazione. Addio all’imminente impegno con la Nazionale e, soprattutto, niente match di Champions con il Siviglia così come sarà costretto a saltare l big match con la Roma e la Supercoppa contro il Milan a Doha. E allora in difesa si dovrebbero schiudere le porte per Benatia e Rugani che vedrà cresce il suo minutaggio dopo l’infortunio che lo ha tenuto fuori un mese. Allegri può comunque sorridere: pronti a rientrare dopo la sosta ci saranno Dybala, Chiellini e Asamoah in attesa di maggiore certezza sul ritorno di Pjaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.