João Mário, è braccio di ferro Inter-Sporting. “Non lo vediamo”

Certo non impossibile, ma in ogni caso difficile al limite dell’estremo. Prosegue la rincorsa dell’Inter a João Mário, 23enne centrocampista dello Sporting Lisbona messosi in rilievo nel corso dell’ultimo Europeo concluso da vincitore con il suo Portogallo. Nelle scorse giornate a scongiurare le ambizioni nerazzurre ci aveva pensato la chiusura formale del club lusitano unitamente alla valutazione, alta, legata come di consuetudine alla clausola rescissoria di 40 milioni. Come se non bastasse, importanti limitazioni questa volta “interne” sono arrivate anche dal gruppo Suning, facendo storcere il naso a Roberto Mancini in più di un’occasione.

Eppure la società milanese continua a lavorare ai fianchi, nella speranza di ottenere uno spiraglio in cui infilarsi per intavolare una trattativa seria e che vada oltre al mero interessamento dichiarato. Nonostante le parole in data odierna (riportate da SportMediaset) del presidente dello Sporting, Bruno De Carvalho, il quale è stato decisamente eloquente: “E’ normale che vi sia più di un interessamento nei suoi confronti, ma lo Sporting non è un club che intende vendere perché abbiamo un progetto ben definito. Sapevamo fosse un grande giocatore, ora se ne sono accorti tutti: la speranza è quella di cominciare il ritiro con tutti gli effettivi a disposizione del tecnico (Jorge Jesus, ndr). Tutta questa attenzione è per noi fonte di grande orgoglio ma non siamo preoccupati“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.