I ritorni di fiamma

C’è l’Inter del nuovo corso cinese. E c’è l’agente di Yaya Tourè che si augura, a breve, novità per il proprio assistito, al quale non sono arrivate proposte ufficiali ma che con Mancini, in passato, ha avuto un ottimo rapporto. E’ il nodo della questione: allenatori che rivorrebbero i propri pupilli e, come nel caso del tecnico jesino, non demordono, convinti che un cambio dirigenziale di tale portata dovrà recare per forza con sé qualche colpo ad effetto. Quei colpi che Antonio Conte ha la certezza di mettere a segno col suo Chelsea, ma senza dimenticare – in mezzo ai top player – qualche nome che ha contribuito ai tre scudetti con la Juventus: Stephan Lichsteiner, per fare un esempio. L’esterno che copre tutta la fascia, il laterale svizzero che in bianconero – complice l’arrivo di Dani Alves – non ha più la certezza di una maglia da titolare e magari andrà a prendersela a Londra, dove i Blues – su consiglio proprio di Conte – hanno già pronti 15 milioni da versare nelle casse dei campioni d’Italia. Dall’Italia all’Inghilterra: il percorso seguito anche da Walter Mazzarri che – memore dei trascorsi al Napoli – potrebbe fare un favore a se stesso e al suo vecchio club, portandosi Maggio e Zuniga al Watford, e contribuendo a risolvere qualche problemino di esubero agli azzurri. Non starà a guardare nemmeno Sinisa Mihajlovic che già un’estate fa, approdato al Milan, provò senza fortuna a ereditare qualche fedelissimo dall’esperienza alla Sampdoria e ci proverà anche ora, al Torino, visto che vedrebbe volentieri De Silvestri e Soriano vestiti di granata e visto che con la Samp c’è un discorso aperto per il riscatto di Quagliarella. Non solo mister, però. Anche i ds possono giocare un ruolo decisivo nelle scelte dei calciatori: Pantaleo Corvino – che nel 2010 portò Ljajic alla Fiorentina –ha già avviato i contatti con la Roma per far indossare al serbo di nuovo la maglia viola. E chissà che anche qualche vecchia gloria del Catania che fu, non segua Pietro Lo Monaco nella nuova esperienza alle falde dell’Etna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.